Lavori in casa, detrazioni fiscali inferriate 2016

inferiate-cmc-recinzioni-3

Lavori in casa, detrazioni fiscali inferriate 2016

Detrazioni fiscali: chi ne usufruisce, quali sono le scadenze e quali prodotti rientrano nelle agevolazioni

 

Prorogata fino al 31 Dicembre 2016 la possibilità di usufruire di detrazioni fiscali riguardanti lavori di messa in sicurezza dell’abitazione. Leggi chi, come e quanto puoi ricevere dallo Stato.

 

Disciplinata dall’art.16-bis del Dpr 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi), la detrazione fiscale delle spese per interventi di ristrutturazione edilizia è stata resa permamente dal decreto legge n. 201/2011 dal 1° gennaio 2012 dal decreto legge n. 201/2011 e inserita tra gli oneri detraibili dall’Irpef.

 

La detrazione è pari al 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare, ma dal 26 Giugno 2012 il decreto legge n. 83/2012 ha elevato al 50% la misura della detrazione e a 96.000 euro l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio; ulteriori proroghe hanno fissato la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%) sino al 31 dicembre 2016.

 

Dal 1° gennaio 2017 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.

Le inferriate usufruiscono di queste agevolazioni?

Secondo quanto dichiarato al punto f) nell’articolo 3 del “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia” possono essere passibili di detrazione fiscale IRPEF tutti gli “Interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi.” 

 

Considerati atti illeciti furti, aggressioni, sequestri di persona  e reati che comportano la lesione di diritti giuridicamente protetti; la detrazione risulta applicabile alle spese sostenute per realizzare:

 

  • rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici,
  • apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione,
  • porte blindate o rinforzate,
  • apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini,
  • installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti,
  • apposizione di saracinesche,
  • tapparelle metalliche con bloccaggi,
  • vetri antisfondamento,
  • casseforti a muro,
  • fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati,
  • apparecchi di prevenzione antifurto e relative centraline.

Chi può usufruire della detrazione?

Possono beneficiare dell’agevolazione di detrazione Irpef 50 % :

 

  • il proprietario o il nudo proprietario,
  • il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie),
  • l’inquilino o il comodatario,
  • i soci di cooperative divise e indivise,
  • i soci delle società semplici,
  • gli imprenditori individuali, solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce.

 

La detrazione Irpef 50% spetta anche al familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo grado) convivente del possessore o detentore dell’immobile, purché sostenga le spese e le fatture e i bonifici risultino intestati a lui. L’agevolazione spetta anche se le abilitazioni comunali sono intestate al proprietario dell’immobile e non al familiare che beneficia della detrazione.

 

No comments so far.

Lascia una risposta

Your email address will not be published. Website Field Is Optional